Sintomi dell’influenza e del raffreddore: qual è la differenza?

Sintomi Dell Influenza

È iniziato tutto con qualche starnuto e una sensazione di malessere e adesso ti chiedi se quelli che senti sono i primi sintomi dell’influenza o del raffreddore. Nonostante la loro sintomatologia sia molto simile, c’è una netta differenza tra raffreddore e influenza. Continua a leggere per scoprire quali sono le principali differenze.

Ricorda però che, nonostante la nostra esperienza in campo di raffreddori e naso bloccato, non siamo dottori. Se i sintomi del raffreddore o dell’influenza persistono, si consiglia di consultare un medico al più presto.

Sintomi del raffreddore vs sintomi dell’influenza

Nonostante la differenza tra influenza e raffreddore non sia abissale, l’intensità con cui questi sintomi si manifestano è maggiore nel caso dell’influenza. Alcuni dei sintomi più comuni che aiutano a distinguere raffreddore e influenza sono:

  • Sintomi nasali, che portano a starnuti e mal di gola, sono più frequenti durante il raffreddore
  • Dolori muscolari sono più frequenti durante l’influenza
  • Brividi e febbre sono più frequenti durante l’influenza
  • Spossatezza e debolezza sono più frequenti durante l’influenza

Per maggiori informazioni sulla differenza tra raffreddore e influenza, visita il sito del Ministero della Salute.

Tempi e durata: che differenza c'è tra raffreddore e influenza?

Anche il tempo impiegato dai sintomi a manifestarsi è un indicatore fondamentale per capire se si tratta di raffreddore o influenza. I sintomi dell’influenza si manifestano più velocemente ed in maniera più acuta di quelli del raffreddore. Al contrario, i sintomi del raffreddore tendono a durare più a lungo (così tanto da sembrarci un’eternità a volte). Mentre l’influenza tende a farci sentire più deboli, nella maggior parte dei casi i suoi sintomi non durano più di una settimana, invece starnuti e naso bloccato posso persistere anche per più di due settimane.

Come curare i sintomi dell’influenza e del raffreddore

Una volta stabilito se si tratta di raffreddore o influenza, è il momento di liberarsi dei loro fastidiosi sintomi. Mentre per il raffreddore basta semplicemente avere a portata di mano un paio di pacchetti di fazzoletti Tempo, morbidi sulle pelli delicate e abbastanza resistenti per sopportare starnuti ed esplosioni nasali, i sintomi dell’influenza hanno bisogno di qualche attenzione in più.

Il sito del Ministero della Salute fornisce utili consigli su come curare l’influenza a casa, ma se hai ancora dei dubbi a riguardo si consiglia di consultare il proprio medico curante. In ogni caso, non dimenticare che l’idratazione è fondamentale.

Oltre a ulteriori informazioni sulle cure, si consiglia di contattare il proprio medico nel caso in cui ad essere affetti dai sintomi influenzali siano:

  • Persone oltre i 65 anni di età
  • Donne incinte
  • Pazienti affetti da particolari condizioni mediche, quali diabete o malattie cardiovascolari
  • Persone con un sistema immunitario debole
  • Persone con febbre alta combinata a forti dolori addominali e pettorali e mal di testa

Prevenzione

Evitare il contagio di raffreddore e influenza è possibile grazie ad un po’ di collaborazione da parte di tutti i componenti della famiglia, che abbiano già contratto il virus oppure no. Piccole abitudini d’igiene possono aiutare a fare la differenza ed evitare che i germi si moltiplichino:

  • Lavare le mani regolarmente
  • Gettare via i fazzoletti subito dopo averli utilizzati
  • Evitare di condividere asciugamani e lenzuola con chi ha già contratto il virus influenzale
  • Pulire gli oggetti di uso comune, quali le maniglie delle porte o i telecomandi

 


L'articolo è stato utile?Grazie per il tuo feedback!
o