Rinite allergica: rimedi e cure che funzionano

Rinite Allergica Rimedi
Tempo Fazzoletti Pelli Sensibili

Succede tutti gli anni: l’inverno finisce, i raffreddori passano e il polline comincia a diffondersi nell’aria. Già dalla fine di febbraio, molte persone iniziano a sperimentare i primi segni dell’allergia, dal naso che cola agli occhi che lacrimano. Certo sarà difficile godere della primavera, con i suoi fiori che sbocciano e le temperature più alte, ma per non rinunciare alle belle giornate ecco alcuni consigli su come curare la rinite allergica.

Rinite allergica rimedi naturali per iniziare bene la giornata

Per non risvegliarsi con gli occhi gonfi e il naso chiuso, sarebbe meglio dormire con le finestre chiuse per evitare che il polline possa entrare in casa. Se però non puoi rinunciare ad un po’ d’aria fresca durante la notte, monta sulle finestre dei filtri specifici per il polline, particolarmente utili tra le 6 e le 8 del mattino, quando la concentrazione di polline nell’aria è maggiore.

Allo stesso modo, monta dei filtri per il polline sull’uscita dell’aria condizionata nella tua automobile, soprattutto perché la lacrimazione dovuta all’allergia non è di grande aiuto mentre sei alla guida!

Inoltre, è meglio non appendere i vestiti fuori ad asciugare. È preferibile invece un’asciugatura all’interno e possibilmente lontano dalle finestre.

Come curare la rinite attraverso una dieta equilibrata

Sai bene che gustare i cibi è molto più difficile quando l’allergia è in corso, perciò ricompensati mangiando un cucchiaio di miele a fine pasto, per alleviare l’irritazione in gola e per introdurre una piccola quantità di allergeni all’interno dell’organismo, in modo da abituarlo poco alla volta alla loro presenza.

Una dieta bilanciata e salutare può aiutare a curare la rinite in modo efficace e naturale. I broccoli ad esempio combattono l’infiammazione nel tratto respiratorio, mentre aglio e cipolla hanno proprietà anallergiche. Formaggi, frutta secca e carote invece contengono istamine e andrebbero quindi evitati.

Come si cura la rinite durante la notte

Non puoi proprio vivere senza una bella corsetta nel parco? Se vivi fuori città sei fortunato, perché la concentrazione di polline qui è meno elevata. Se invece vivi in città, meglio svegliarsi una o due ore prima per fare jogging evitando i sintomi più acuti dell’allergia.

Tra i rimedi per la rinite c’è anche la pulizia. Aspira la polvere e i depositi di polline dal pavimento tutte le sere. Inoltre, è consigliabile lavare i capelli prima di andare a letto, per evitare che il polline accumulato tra le ciocche durante la giornata resti con te per tutta la notte. Per assicurarti sogni d’oro, evita anche di portare in camera da letto i vestiti utilizzati durante la giornata.

Come si cura la rinite allergica con una bella risata

Numerose ricerche hanno dimostrato che le persone felici soffrono meno i sintomi dell’allergia. Inoltre, nel periodo in cui l’allergia è davvero molto forte, meglio fare le valigie e andarsene al mare o in montagna, dove la concentrazione di polline è generalmente più bassa.

Rinite allergica: terapia per il naso chiuso

In caso di muco in eccesso, le docce nasali sono la soluzione migliore. Una soluzione salina è indicata per rimuovere le particelle di polline rimaste impigliate nelle membrane mucose al termine della giornata. Infine, gli spray o le lozioni nasali aiutano a tenere le mucose idratate e hanno proprietà anallergiche contro la rinite.

Non lasciare che il tuo naso si arrossi a causa del continuo sfregamento. Scegli fazzoletti morbidi e delicati come Tempo Pelli Sensibili, arricchiti di estratti di aloe e con olio di mandorle dalle proprietà emollienti per prendersi cura della tua pelle.

Lacrimazione e rinite allergica: come si cura

Gli occhi che bruciano o lacrimano si curano facilmente con delle gocce per gli occhi contenenti azelastina e levocabastina. Inoltre, meglio preferire gli occhiali alle lenti a contatto quando i sintomi dell’allergia sono particolarmente intensi per non peggiorarli.

Rinite allergica e terapia di desensibilizzazione

Se l’allergia al polline viene trascurata, può portare a problemi ben più gravi nel tempo, tra cui l’asma allergica, che non solo colpisce le mucose e i bronchi, ma causa problemi a livello respiratorio, oltre che portare alla formazione di allergie crociate. Al manifestarsi dei primi sintomi dunque, è bene contattare un medico allergologo per capire se una terapia di desensibilizzazione può aiutare. Questa terapia allevia i sintomi dell’allergia, combattendo i patogeni che la causano: il sistema immunitario è costantemente esposto a forti allergeni fino a quando il corpo non si abitua alla loro presenza e smette di combatterli. Solitamente, le compagnie assicurative coprono il costo della terapia di desensibilizzazione, in particolar modo per coloro che sono significativamente affetti dalla rinite allergica.


L'articolo è stato utile?Grazie per il tuo feedback!
o